La cooperativa Il Piccolo Principe da tre anni ha deciso di impegnarsi in azioni di sensibilizzazione e contrasto al fenomeno del disturbo d’azzardo patologico (DGA), cogliendo l’opportunità dei fondi messi a disposizione dalla Regione Friuli Venezia Giulia e presentando proposte in co-progettazione con l’Azienda Sanitaria n.5 “Friuli Occidentale” – Dipartimento per le dipendenze di Pordenone.

Il fenomeno del DGA è una vera e propria piaga sociale, che continua a diffondersi in modo preoccupante in tutta l’area del Friuli Occidentale, in cui si registra una concentrazione superiore alla media di strutture, locali, esercizi commerciali adibiti al gioco d’azzardo e di “apparecchiature di intrattenimento”, siano essi slot machine, vlt o altri.

Allo stesso tempo si allarga la tipologia della platea dei giocatori, attratti da sempre nuovi stimoli all’azzardo, con particolare riferimento ai giovani e alla minaccia del web, in cui è praticamente impossibile tutelare i ragazzi, anche minori, dalle scommesse on line, piuttosto che dalle innumerevoli proposte di azzardo. In tutto questo scenario poco confortante, permane una conoscenza marginale del problema da parte della cittadinanza in generale, che tende a considerare il fenomeno come un vizio o un’abitudine tutto sommato socialmente accettata.

L’esperienza, che come cooperativa abbiamo maturato in questi anni, ci ha dimostrato quanto siano importanti le occasioni informative, poiché hanno consentito di sensibilizzare un numero sempre maggiore di singoli cittadini e di associazioni locali. La rete territoriale con cui abbiamo stretto alleanza si è dimostrata particolarmente sensibile e attenta all’argomento, dando vita nel tempo ad azioni autonome di contrasto e prevenzione. Allo stesso tempo come cooperativa crediamo nell’importanza di educare le nuove generazioni e i giovani ad una cultura del gioco basata sulla socializzazione, sul divertimento, sulle abilità in netto contrasto alle pericolose “promesse” dell’azzardo che possono condizionare le scelte e gli stili di vita dei più giovani.

Con il progetto di quest’anno, denominato C’E’ GIOCO E GIOCO, le cui iniziative partiranno con gennaio 2018 per concludersi con dicembre dello stesso anno, la cooperativa intende potenziare le azioni di prevenzione coinvolgendo le amministrazioni locali, nuovi territori, le associazioni locali, gli esercenti per proporre azioni concrete di contrasto. Parallelamente si è deciso di estendere la sensibilizzazione verso i giovani, proponendo percorsi mirati all’interno delle scuole e attivando la rete di collaborazione fra i Progetti Giovani del territorio provinciale.

Sostienici